il papavero informa: “swaddle”

Amici, oggi parliamo di SWADDLE ovvero, l’usanza di fasciare i neonati.

Quella di fasciare è un’usanza antica che, veniva utilizzata in Occidente, subito dopo la nascita del bambino, per raddrizzargli le gambine.

Magari, vista con occhio moderno, potrebbe sembrare una pratica un pò “estrema”, ma adeguatamente riveduta e corretta, può portare molti benefici.

In realtà, la fasciatura del bebè è trasversale a diverse culture in diverse parti del mondo e la ragione è piuttosto semplice: i bimbi fasciati sono più tranquilli, dormono meglio e riescono ad affrontare più serenamente problemi tipici dei primi giorni quali, per esempio, le coliche.

Nel 2002 il Medical Journal of Pediatrics USA, ha pubblicato un studio che dimostra come la fascia per neonati aiuti il bambino ad allungare le fasi del sonno REM, la più importante per il suo sviluppo. Il sonno REM è più leggero del non-REM: da qui l’importanza di aiutare il neonato a limitare i risvegli frequenti. La ricerca dimostra che i bambini correttamente fasciati tendono a dormire in modo sicuro in posizione supina e hanno meno probabilità di rimanere impigliati nelle lenzuola (posizione attualmente consigliata nella prevenzione degli episodi di SIDS).

La spiegazione “scientifica” ha a che fare con il concetto di contenimento: chiusi dentro a una copertina o a un lenzuolino, i bambini, che per nove mesi hanno vissuto nello spazio ristretto dell’utero materno, si sentono al sicuro.

Uno dei materiali più adatti è la mussola di cotone o di bamboo perché un tipo di tessuto che cede in diagonale in modo che il piccolo possa sentirsi contenuto e al sicuro ma non essere costretto. Non è consigliabile usare il classico lenzuolino di cotone poiché cede pochissimo e i bimbi non si sentono comodi.

E noi, che amiamo proporvi sempre cose nuove…potevamo non avere questi lenzuolini??

Ovvio , no!!!  Per le mamme più esigenti, ecco i nostri swaddle in mussola di cotone!!!

#ilpapaveroeste #swaddle #babyboum

Annunci

Nunzia e Kok…

fa piacere, ricordare persone che si sono incontrate per caso e ti hanno lasciato scoprire e toccare con mano una parte di loro..

È successo così con Nunzia Bruno, una ragazza gentile e simpatica….che qualche giorno fa è entrata nel mio piccolo negozio con il suo bagaglio di esperienze e la sua voglia di lavorare e farsi strada in questo difficile mondo. Ha scritto un libro per bambini, “Le avventure dell’uovo Kok” ed il bello di tutto questo sta nel fatto che si è fatta tutto da sola!

Processed with Rookie

Ha pensato e ideato questa piccola, dolce, storia…l’ha illustrata, impaginata, stampata…seguendola passo passo come solo una mamma sa fare…con tenacia e determinazione! E , infine, ha cominciato personalmente a selezionare i negozi e le librerie dove andare a proporre il suo bel libro….ed è approdata da noi, Il papavero, amici!

Quindi è con una certa nota di orgoglio e di piacere che parlo di lei e del suo libro…e ve ne mostro qualche pagina.

Processed with Rookie

LE AVVENTURE DELL’UOVO KOK racconta le avvincenti peripezie di un piccolo uovo, che non vuole assolutamente schiudersi. Finisce fra le “zampine” di tanti animaletti che lo hanno scambiato per qualcos’altro e lo allontanano da casa sua. Il pulcino al suo interno, riesce infine a trovare il coraggio per rompere il guscio e uscire fuori. Non trova più nessuno ad aspettarlo: inizia così il lungo cammino alla ricerca di Mamma Pilla. Nel suo andare a ritroso, sono gli stessi animaletti di prima che lo incoraggiano ed aiutano ad andare avanti…

C’è da dire, inoltre che Nunzia, avendo lavorato nel mondo della moda ha usato questo suo talento per ideare delle t-shirt in cotone morbido morbido, trasferendo le bellissime immagini del libro su cotone. Le t-shirt sono per i bambini e le bambine e potete trovarne una selezione qui in negozio.

Processed with Rookie

Che dire? Brava Nunzia e grazie per avere scelto Il papavero per le tue creazioni!

Eccovi i riferimenti di Nunzia:

http://bambinodimamma.blogspot.it/

http://www.facebook.com/pages/Bambino-di-Mamma-con-Handina-e-Steppy

Il buongiorno si vede dal mattino…

Nota: il negozio apre alle 9:30.

Ore 8.15…serranda semichiusa, porta chiusa, luce della cassa accesa…

cliente:  ” Scusi, è aperto?”

io: “Non ancora, signora, ma se ha bisogno, entri pure!”

nel frattempo, accendo tutte le luci,  il registratore di cassa, apro le tapparelle, la serranda, sistemo tutto e mi rivolgo alla cliente..

io: ” in cosa posso esserle utile?”

cliente: “Ah, ma volevo solo dare un’okkiata!!!”

e se ne và…..

 

QUALCOSA SU DI ME..

Ce la posso fare…questo è il mantra che mi ripeto ogni mattina quando mi sveglio!

Adoro il mio lavoro, amo i miei due figli e capisco le persone che ogni mattina, appena aperti gli occhi, sono travolte dalla giornata che li aspetta.

Casa, figli, marito, cane, negozio, clienti, persone, amici, conoscenti, corsi da frequentare, colleghi da vedere, lavatrici da fare, fornitori da contattare, merce da controllare, sorrisi, chiacchere , battute, risate, pianti irrefrenabili, urla, capricci, lamentele, giochi, colori, compiti, sport, nonni, internet, facebook, tv, libri (ah, che belli i libri…peccato che non riesco a leggerli quanto vorrei..), pranzi, cene, colazioni, ….queste sono alcune delle varie cose che mi affollano la giornata..

E poi, l’avventura di questo blog, che da tempo mi rimbalza per la testa…ma dal dire al fare …ci passano giornate, mesi, ore…e migliaia di pensieri, idee, fatti….e poi che cosa posso dire? Cosa posso scrivere, di così interessante da dover essere raccontato in un blog…?  Già affrontare il bianco di questo riquadro non è stato semplice e detto da me ..che RARAMENTE rimango a corto di parole,  è tutto da dire..

Sapete che vi dico? Io ci provo, mi impegno a trovare il tempo per condividere con voi le mie avventure in negozio, il mio amore per il design, il giocattolo di qualità, i libri per l’infanzia….e tutto quello che mi incuriosisce e mi appassiona.

Sono una novellina, nel campo dei blog e come tale dovete prendermi. Ho tanto da imparare. Due figli e un’attività da mandare avanti, però, un pò di gavetta te la fanno fare, eh?

Sono Chiara, classe 1976, una bella laurea in Architettura, (nel cassetto come lavoro, ma nel cuore come stile di vita), imprenditrice, mamma e blogger…per diletto.

Chiara